INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO AGENTI DI COMMERCIO

INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO AGENTI DI COMMERCIO

Questione da sempre spinosa e’ rappresentata dai dubbi circa l’applicazione delle indennità spettanti all’ agente/rappresentante all’atto della cessazione del rapporto di agenzia .Il più importante intervento in materia e’ avvenuto ad opera della Corte di Giustizia Europea con Sentenza 23/03/2006, n. causa C-465/04 ove viene affermato che l’indennità di cessazione del rapporto che risulta dall’applicazione dell’art. 17, n. 2, della Direttiva del Consiglio della Comunità Europea del 18 dicembre 1986 num 653 non può essere sostituita, in applicazione dell’accordo economico collettivo, da un’indennità determinata secondo parametri diversi da quelli fissati da tale direttiva a meno che non venga provato che l’applicazione dell’accordo garantisca comunque all’agente un trattamento che preveda la corresponsione di un’indennità pari o superiore a quella che risulterebbe dall’applicazione del dettame comunitario.
La Corte di Cassazione, al fine di adeguarsi a tale disposizione ha affermato con sentenza 3 ottobre 2006 n. 21309, , che l’art. 1751 cod. civ. possa essere derogato dalla contrattazione collettiva ma solo nel senso più favorevole all’agente e che la comparazione tra le disposizioni legali e quelle contrattuali deve essere effettuata con riferimento al singolo caso concreto e quindi ex post, quindi una volta cessato il rapporto.

L’art. 1751 cod. civ. deve essere interpretato nel senso che il giudice deve sempre applicare la normativa che assicuri all’agente, alla luce delle vicende del rapporto concluso, il trattamento economico più favorevole, ergo il risultato migliore. I presupposti per la corresponsione dell’indennità per la cessazione dei rapporti di agenzia sono contenuti nell’art. 1751 cod. civ., al cui interno e’ stabilito che Casa Mandante sia tenuta a corrispondere all’agente l’indennità a condizione che ricorrano tali presupposti:
l’agente abbia procurato nuovi clienti, o abbia sensibilmente sviluppato gli affari con i clienti esistenti, e il preponente riceva ancora vantaggi dagli affari con tali clienti;
l’indennità sia stabilita in misura equa, tenuto conto delle provvigioni che l’agente perde a seguito dell’interruzione del rapporto.

L’indennità per la cessazione del rapporto non è, però, dovuta per l’art. 1751 comma 2 cod. civ.nel caso in cui:
la risoluzione del rapporto ad opera del preponente sia avvenuta per fatto imputabile all’agente che non consenta la prosecuzione,seppur provvisoria ,del rapporto;
l’agente receda dal contratto, tranne le ipotesi casi di recesso dipeso da circostanze attribuibili al prepotente .
Per la quantificazione dell’indennità, in base al 3° comma dell’art. 1751 cod. civ., l’importo totale dell’indennità non potrà superare quello di un’indennità annua calcolata in base alla media delle retribuzioni riscosse dall’agente negli ultimi cinque anni o, se il contratto risale a meno di cinque anni, nel periodo di vigenza dello stesso.
Altra fonte per la disciplina dell’indennità è costituita dagli accordi economici collettivi: Accordi Economico Collettivo 30.7.2014 per il settore Industria e l’Accordo Economico Collettivo del febbraio 2009 per il settore Commercio).
Gli accordi prevedono la suddivisione dell’indennità in tre categorie :
l’indennità di risoluzione del rapporto, corrisposta dall’ENASARCO in base alle quote accantonate dal preponente presso il c.d. “FIRR” (Fondo Indennità Risoluzione Rapporto), dovuta all’agente anche se non ci sia stato da parte sua alcun incremento dalla clientela e/o dal fatturato;
l’indennità suppletiva di clientela, corrisposta dal preponente in caso di cessazione del rapporto per causa non imputabile all’agente;
l’indennità “meritocratica”, aggiuntiva rispetto alle precedenti, corrisposta dal preponente nel caso in cui l’agente abbia incrementato gli affari con i clienti esistenti(i presupposti sin li medesimo dell’art 1751c.c.

avv. Maria Rosaria Pace

www.avvocatopace.com

Info su Avv. Maria Rosaria Pace

L'Avv. Maria Rosaria Pace assiste i propri clienti, in tutte le aree del diritto civile, diritto del Lavoro, Rapporti di Agenzia, avendo maturato esperienza nello specifico in materia, pertanto presta la propria attività di consulenza agli Agenti di Commercio, avendo reso nel corso degli ultimi anni consulenza stragiudiziale e giudiziale, per la risoluzione delle problematiche connesse al rapporto di agenzia. Lo Studio Legale Pace si avvale della consulenza di molteplici professionisti (avvocati penalisti, commercialisti, consulenti professionali, esperti del diritto del lavoro, ecc.) specializzati nell'assistenza e nella consulenza agli agenti di commercio. Lo Studio è ubicato nel centro storico di Caserta a due passi dal Palazzo reale e dalle più importanti arterie cittadine, servito da parcheggi e mezzi pubblici di trasporto.
Questa voce è stata pubblicata in L'Avvocato Risponde e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO AGENTI DI COMMERCIO

  1. Antonio scrive:

    Si parla di fine rapporto e sono d’accordo,oggi chi ha agenzie di prodotti di importazione capita spesso e volentieri che di punto in bianco un o due delle tue rappresentate mettano a catalogo degli articoli similari o uguali,si rischia di avere la cessazione del mandato per il patto di non concorrenza.
    Ad un collega gli è stato recesso il mandato di agenzia,per il patto di non concorrenza,ciò nonostante non avesse ancora il contratto.Lasciando un fatturato in attivo con la vecchia azienda.Mi dite cosa posso consigliargli.
    Saluti

    • Gentile Agente ,
      Le circostanze che mi ha indicato sono frequenti nei rapporti d’agenzia.
      Chiaramente ,onde poter essere più precisa,occorrerà sviscerare tutti gli aspetti dell’accordo negoziale al fine di richiedere alla Casa Mandante ,le indennità dovute .
      Consiglio ,qualora di interesse del Suo collega , di contattarmi affinché si possano far valere i diritti derivanti dal rapporto .
      La saluto cordialmente ,

      Avv Maria Rosaria Pace

  2. Elio Ferrante scrive:

    Salve Avvocato Pace, tempo fa Le ho scritto on merito ad una liquidazione FIRR non ancora effettuata dall’Enasarco, nonostante il rapporto di lavoro sia cessato da due anni e i relativi contributi siano stati effettuati dalla mandante, seppure in ritardo . Le lascio i.miei recapiti per poterle dare na giorni info e chiarimenti :
    elioferrante55@hotmail.it
    3452834574.
    Naturalmente pronto a riconoscereLe il suo onorario.
    Saluti
    Elio Ferrante

  3. Giuseppe Cecchini scrive:

    Ho terminato il mio rapporto di lavoro dopo 6 anni con una ditta di Verona e cone fanno con
    tutti gli agenti di commercio non mi è arrivato neanche un’euro X il fine rapporto , loro pagano a
    60+ 10 le ns fatture. Mi hanno fatturato l’auto 200 euro più del dovuto scritto in firma target dal
    Luglio 2016 al 30/9/17 giorno del fine rapporto.
    Mia mail cecchini.giuseppe@gmail. com
    Tel 388-4671584
    Aspetto una sua chiamata X altre spiegazioni in merito.
    Saluti
    Cecchini Giuseppe

    • Sig Cecchini buonasera,
      Purtroppo la mancata corresponsione delle indennità di fine rapporto e’ un problema comune a tutti i rapporti che si interrompono ,ahimè!
      La
      Contatterò al fine di risolvere rapidamente la Sua problematica.
      Saluti cordiali

  4. Giuseppe Cecchini scrive:

    Argomento molto interessante di cui non ero a conoscenza

  5. GIUSEPPE BUCCI scrive:

    Gent.ma Dott.ssa,
    se la casa mandante riduce o vuole ridurre sensibilmente l’area di lavoro per mettere in difficoltà l’agente di zona a cosa incorre verso la legge, e che indennizzo eventuale spetta all’Agente per le zone perse pur rimanendo Agente della mandante?
    La ringrazio per una sua cortese risposta.

    • Buonasera,
      Le Case Mandanti non possono apportare modifiche al contratto senza preavviso.Sono tenute a comunicarlo e sarà l’agente a decidere se accettarle o meno.Qualora non comunicassero nulla,l’Agente potrà esercitare il suo diritto di richiedere l’indennita’ per la variazione ,che muterà a seconda dell’entitá della modifica contrattuale apportata.
      Per ulteriori delucidazioni e per evitare di perdere quanto Le spetta ,puo’ contattarmi al seguente indirizzo :
      pacemariarosaria1@gmail.com
      La saluto cordialmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *